READ MORE

Caredduserramenti.it si rinnova

Careddu Serramenti rinnova completamente la veste grafica del sito.
Benvenuti.

READ MORE

Con il Decreto Rilancio, arriva l’Ecobonus 110%, ecco cosa significa

L’Ecobonus 110% rientra nei provvedimenti presi dal Governo Italiano per favorire un recupero più rapido all’economia italiana dopo il lungo periodo di chiusura dovuto al Coronavirus.

Fa parte del Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ( disponibile a questo link / PDF ) ed entrato in vigore il 19 maggio 2020. Ma come può essere utilizzato?

Spiega il Sottosegretario di Stato Riccardo Fraccaro: “Il superbonus al 110% permetterà di realizzare i lavori di miglioramento della classe energetica e di messa in sicurezza delle abitazioni a costo zero per i cittadini. I cittadini che effettuano questi lavori otterranno una detrazione fiscale pari al 110% della somma spesa o lo sconto totale in fattura cedendo il credito di imposta all’azienda che ha effettuato i lavori. Le imprese a loro volta potranno cedere illimitatamente il credito a fornitori e anche istituti bancari ottenendo immediata liquidità.

“Il Superbonus al 110% rappresenta un incentivo mastodontico che ha l’obiettivo di ridurre sensibilmente le fonti inquinanti e dare una spinta notevole all’economia. Per questo prevede che vengano effettuati due tipi di lavori: il rifacimento del cappotto termico oppure la sostituzione della caldaia. In presenza di uno di questi lavori si potrà ottenere il Superbonus anche per la sostituzione degli infissi, l’installazione di pannelli fotovoltaici e di colonnine elettriche di ricariche nonché di tutti i lavori già previsti con l’ecobonus. Quindi, per intenderci, anche i cittadini che hanno intenzione di sostituire solo gli infissi saranno incentivato a cambiare anche la caldaia.

Fino a quando sarà possibile usufruire del bonus?
Il decreto stabilisce che possono beneficiare i lavori eseguiti tra il 1 luglio 2020 ed il 31 dicembre 2021. Si potrà usufruire del bonus fiscale in 5 rate di pari importo ed è prevista la possibilità di cedere il credito maturato alle banche (o di chiedere lo sconto in fattura all’impresa che realizza i lavori).

Per ulteriori approfondimenti è possibile fare riferimento al comunicato ufficiale.

Contattaci ora per chiedere un preventivo: